*

Menu

Welcome, Guest. Please login or register.
Did you miss your activation email?
July 13, 2024, 12:11:51 PM

Login with username, password and session length

121 Guests, 0 Users

Author Topic: 29/10/09  (Read 3459 times)

gabrif7

  • Jr. Member
  • **
  • Posts: 53
    • View Profile
29/10/09
« on: November 01, 2009, 09:35:22 AM »
Riporto sul forum il report dell'ultimo collettivo

1) in 3 minuti abbiamo approvato la disponibilità a prestare lo stanzino alle femministe, per lo sportello sulle problematiche di genere e compagnia bella..
2) abbiamo poi affrontato il problema del senatore/senatrice da presentare: si è deciso, mi pare di aver capito, che elisa sarà la titolare e che nicola sara il vice, almeno per un pò.
3) Si è poi passati all'organizzazione dell'assemblea di facoltà:
- Questa si terrà, probabilmente, o il 10 o l'11 o il 12 novembre, in aula 10 in Corso San Maurizio
- L'assemblea sarà finalizzata a tenere informati e informare gli studenti sulla 160 (la legge sull'università dell'altro giorno, chi se ne occupa già? stefano?), sulla 133 e sulla 270
- In riferimento alla 270, tema centrale insieme alla 160, dobbiamo ricordarci di procurarci il numero esatto di professori e di studenti iscritti ai vari corsi.
- Si parlerà quindi anche della "politica sbagliata" sulla tematica del diritto allo studio, il comportamento dell'ordine degli psicologi.
- Si è pensato inoltre di invitare la dipendente della biblioteca, Chiara, per parlare del discorso licenziamenti/non rinnovo contratti..(la chiama jacopo? o polacchi?)
- Al fine di publicizzare l'assemblea vi mando poi la tabella per organizzare il giro aule (o oggi o domani)
- Ricordare all'interno dell'assemblea il grande corteo del 17/11 di palazzo nuovo, incitando gli eventuali studenti presenti alla partecipazione.
- Ricordarsi di dire a rossi di invitare tutti i professori ("invitandoli" anche al blocco delle lezioni)
- Chiedere ai vari Roccato, De Piccoli (Norma), Tirassa, Adenzato e Fedi se sono interessati a eventuali interventi all'interno dell'assemblea.

Passiamo ora gli argomenti clou del collettivo..
4) Valerio voleva essere cancellato dalla Mailing List..
5) Dobbiamo ritrovare polacchi..o chiamare "Chi l'ha visto"..Polacchi, se sei vivo facci un segno..


6) Didattica: dopo ben 3 quarti d'ora di cazzeggio si è riusciti a dire qualcosa sul nuovo metodo dell'equipe di roccato sulla valutazione della didattica..
sull'introduzione dell'indice di correzione chiamato di "soddisfazione netta" che dovrebbe mediare fra alcune variabili, tenendo presente che, per esempio, psicometria interessa meno di psicopatologia, aldilà del docente e via dicendo
per il resto ci saranno 3 Valutazioni (giusto?): Valutazioni Individuali del triennio, Valutazione dei settori scientifico-disciplinari, Valutazione dei corsi magistrali. Con vari indici..che non sta a elencare (7 per il primo, 5 per il secondo e 5 per il terzo), per le spiegazioni tecniche vi rimando al plico che c'è nello stanzino..
Importante comunque che si prenda uan posizione netta e favorevole all'introduzione di questi parametri, nonostante l'ostilità di gran parte del cdf.
(per il gruppo didattica ci troveremo forse prima del prox collettivo per parlarne meglio)

7) Tirocini: che fine a fatto il questionario sui tirocini?
8) Nome: non so se alla fine abbiate deciso qualcosa, comunque..i più in voga erano: Sinapsi, Psicoattivi (no comment), Area, A-reazione, gruppo di auto aiuto, Sinapsidinamica e altre robe di basso livello..

viok

  • Fondatore vecchio e stanco :)
  • Super Moderatore
  • Sr. Member
  • *****
  • Posts: 363
    • View Profile
Commenti sul collettivo
« Reply #1 on: November 01, 2009, 01:37:56 PM »
Innanzitutto grazie Gabriele per aver spostato sul forum (oltre che per l'ottimo resoconto).
Faccio qualche commento.

Quote
Si è poi passati all'organizzazione dell'assemblea di facoltà: - Questa si terrà, probabilmente, o il 10 o l'11 o il 12 novembre, in aula 10 in Corso San Maurizio - L'assemblea sarà finalizzata a tenere informati e informare gli studenti sulla 160 (la legge sull'università dell'altro giorno, chi se ne occupa già? stefano?), sulla 133 e sulla 270 - In riferimento alla 270, tema centrale insieme alla 160, dobbiamo ricordarci di procurarci il numero esatto di professori e di studenti iscritti ai vari corsi. - Si parlerà quindi anche della "politica sbagliata" sulla tematica del diritto allo studio, il comportamento dell'ordine degli psicologi. - Si è pensato inoltre di invitare la dipendente della biblioteca, Chiara, per parlare del discorso licenziamenti/non rinnovo contratti..(la chiama jacopo? o polacchi?) - Al fine di publicizzare l'assemblea vi mando poi la tabella per organizzare il giro aule (o oggi o domani) - Ricordare all'interno dell'assemblea il grande corteo del 17/11 di palazzo nuovo, incitando gli eventuali studenti presenti alla partecipazione. - Ricordarsi di dire a rossi di invitare tutti i professori ("invitandoli" anche al blocco delle lezioni) - Chiedere ai vari Roccato, De Piccoli (Norma), Tirassa, Adenzato e Fedi se sono interessati a eventuali interventi all'interno dell'assemblea.


Sulla questione dei professori, della 270, 133, numero chiuso e varie, è giustissimo parlarne in assemblea di facoltà. Aggiungo che però lo sforzo dovrebbe essere quello di sensibilizzare contro chi ha introdotto questa legge, cioè il Governo. Ci sarà una manifestazione il 17/11 Castello, che, come dice Jacopo, può essere una buona opportunità! E' inutile spendere energie contro i professori, il consiglio di facoltà, Rossi e compagnia bella... tanto quelli volendo o nolendo, le leggi le devono rispettare.
Inoltre, parlando di numeri del numero chiuso con Rossi, mi sono reso conto che è un numero chiuso molto poco "chiuso". Il tetto massimo per ciascuna magistrale sarà veramente alto. Magari ve ne parlo mercoledì al collettivo. Questo non vuol dire che poichè a noi di Torino ci va bene, non dobbiamo protestare contro il Governo.

Mi sono perso a cosa ti riferisci a proposito della polita sbagliata dell'ordine a proposito di diritto allo studio.

Per quanto riguarda il blocco delle lezioni, non credo che Rossi possa decidere autonomamente, ma debba avere il parere del consiglio di corso di laurea. Sulle decisioni di ordine "ideologico o politico" credo sia sempre così. Un preside può decidere autonomamente il blocco delle lezioni per motivi di sicurezza importanti e comunque in caso di emergenza.

Quote
Didattica: dopo ben 3 quarti d'ora di cazzeggio si è riusciti a dire qualcosa sul nuovo metodo dell'equipe di roccato sulla valutazione della didattica.. sull'introduzione dell'indice di correzione chiamato di "soddisfazione netta" che dovrebbe mediare fra alcune variabili, tenendo presente che, per esempio, psicometria interessa meno di psicopatologia, aldilà del docente e via dicendo per il resto ci saranno 3 Valutazioni (giusto?): Valutazioni Individuali del triennio, Valutazione dei settori scientifico-disciplinari, Valutazione dei corsi magistrali. Con vari indici..che non sta a elencare (7 per il primo, 5 per il secondo e 5 per il terzo), per le spiegazioni tecniche vi rimando al plico che c'è nello stanzino.. Importante comunque che si prenda uan posizione netta e favorevole all'introduzione di questi parametri, nonostante l'ostilità di gran parte del cdf. (per il gruppo didattica ci troveremo forse prima del prox collettivo per parlarne meglio)


Mi piacerebbe leggere questo metodo Roccato. Comunque, io non ho mai capito se queste valutazioni servano a qualcosa. Sicuramente ogni professore riceve un feedback (a me, come prof. di unito mi arriva ogni anno una mail con un allegato pieno di tanti bei grafici). Poi ognuno ne fa l'uso che ne vuole. Ho assistito a richiami di professori due volte: una volta quando ero studente al Poli, una volta a Psicologia (caso Pia). In tutti e due i casi, i questionari non c'entrarono nulla. Furono iniziative di massa o dei rappresentanti. Nel caso del prof. del Poli ("mitico" Canuto) fu una sommossa di massa più che giusta. Nel caso Pia, un'iniziativa dei rappresentanti, ma questa è storia recente... sappiamo tutti che alla fine non fu poi così giusto nei confronti di Pia.  Come docente, paradossalmente, invece, continuo a sentire lamentele verso un paio di prof. presso la facoltà di scienze strategiche di unito, dove insegno, ma nessuno fa nulla... nonostante i risultati dei questionari del CPD siano disastrosi. Personalmente ho parlato con uno dei due colleghi, che poi è un bravo vecchietto... ha solo dei metodi un pò antichi. Al poli invece non è mai successo più nulla che io sappia...a Dublino non esistono proprio sti questionari :-)
Tutto questo per dirvi che forse, prima di inventarsi dei punteggi e questionari innovativi (alla Roccato) bisognerebbe chiedersi se questi questionari servono per tutti i docenti oppure servono solo per i docenti che vogliono ascoltare. Però quelli che vogliono ascoltare, ascoltano con o senza questionari. Ad es. la Steila, chiede sempre se il corso sta andando bene e anche se il programma è interessante. Una grande prof!! Una volta, invece, feci un giro per piazza Vittorio con Perussia e gli chiesi come mai a lezione non spiegava le cose che poi chiedeva all'esame. Mi rispose che il Professore è colui che insegna, stimola alla cultura (lui usè termini più forbiti che io non so ripetere) e che gli studenti devono andare al corso per essere stimolati intellettualmente. Poi, per l'esame ci sono i libri. Non me lo disse in maniera incazzata. Fu un discorso tranquillo e mi dedicò anche parecchio tempo. Solo che se uno parte dalle basi Perussiane, non serve alcun questionario. Il discorso è chiuso per principio. Che ne pensate?
« Last Edit: November 01, 2009, 02:11:26 PM by viok »
!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
             VioK  ;)
!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

gabrif7

  • Jr. Member
  • **
  • Posts: 53
    • View Profile
29/10/09
« Reply #2 on: November 01, 2009, 06:19:59 PM »
Quote from: viok

Sulla questione dei professori, della 270, 133, numero chiuso e varie, è giustissimo parlarne in assemblea di facoltà. Aggiungo che però lo sforzo dovrebbe essere quello di sensibilizzare contro chi ha introdotto questa legge, cioè il Governo. E' inutile spendere energie contro i professori, il consiglio di facoltà, Rossi e compagnia bella


Infatti, non avevamo intenzione di rivoltarci in alcun modo contro la facoltà (che si adatta a leggi imposte dall'alto, costretta ad applicarle), il preside o i professori ma informare gli eventuali partecipanti della questione 270 e dei rapporti stud/prof e, di conseguenza, del numero chiuso.
Ovviamente siamo consapevoli che il "colpevole" è senza dubbio il governo.

Quote from: viok

Mi sono perso a cosa ti riferisci a proposito della polita sbagliata dell'ordine a proposito di diritto allo studio.

Facendo il report ho riportato alcune cose emerse dal collettivo, in tuttà sincerità giovedì non abbiamo approfondito questo concetto, ma penso si leghi al discorso della 270, ovvero del rapporto studenti/prof.
Se mancano questi non li assumi (perchè non ci sono i fondi), ma inserisci il fatidico numero chiuso che va effettivamente contro il diritto allo studio. Penso che la relazione sia questa.

per quanto riguarda la questione dell'ordine, sottolineata di frequente da stefano, mi riferisco al loro disinteresse nei confronti della figura dello psicologo in ambito professionale. Ovvero, loro hanno già il posto, sono tranquilli e non si preoccupano di rinnovare il mercato del lavoro incitando l'inserimento della figura dello psic. in nuovi contesti. Credo che si intedesse questo

Quote from: viok

Per quanto riguarda il blocco delle lezioni, non credo che Rossi possa decidere autonomamente, ma debba avere il parere del consiglio di corso di laurea.
ltà, Rossi e compagnia bella

Si vociferava che, in caso di assemblea di facoltà, fosse automatico il blocco, ma ne sono poco sicuro.

infine per quanto riguarda il metodo roccato, il suo fine ultimo è più che altro quello di rendere più efficienti/attendibili i futuri questionari rispetto a quelli passati e, in un certo senso, di renderli, nel limite del possibile, più pubblici/trasparenti, pure nel rispetto della persona.
effettivemente se, per fare un esempio, fosse presente a diversi studenti che un certo professore fa lezione in malo modo, questo potrebbe essere motivato a impegnarsi di più, in un certo senso. Non è una relazione deterministica, però..inoltre giovedì pensavamo che a un prof. "scarso" potrebbero essere dati corsi non di base, con pochi studenti; ci potrebbe essere un richiamo più deciso etc.
certo poi rimane fondamentale il confronto studente/professore di cui parlavi (steila ma anche lo stesso roccato)
« Last Edit: November 01, 2009, 06:29:52 PM by gabrif7 »

viok

  • Fondatore vecchio e stanco :)
  • Super Moderatore
  • Sr. Member
  • *****
  • Posts: 363
    • View Profile
29/10/09
« Reply #3 on: November 02, 2009, 12:27:43 AM »
Grazie mille Gabriele per le precisazioni.
Mi è tutto chiaro a parte la questione sull'ordine degli psicologi. Però l'ha detta Ste... me la farò spiegare da Ste  :)
Sulla questione Roccato, credo che tutto ciò che dici sia giusto, in teoria. In pratica sarebbe un grandissimo risultato pubblicare i risultati dei questionari ma credo proprio che la maggior parte dei docenti sia contraria (e non parlo della Steila e di Roccato).
Ho una proposta: continuiamo a seguire Roccato e la sua proposta. Allo stesso tempo perchè non facciamo un sondaggio alternativo? Berlusconi ne fa uno alla settimana per sapere quanto è popolare, possiamo farlo anche noi.
Mi spiego: prepariamo 3 questionari ben fatti. Uno da somministrare dopo la prima settimana di lezione, uno a fine corso (ci sono molti corsi che si svuotano a fine corso) e uno durante gli appelli di esame. Ognuno è libero di compilarlo, in modo del tutto anonimo. Così abbiamo dei dati nostri e li pubblichiamo su sognopsiologia. Ovviamente dobbiamo seguire bene la parte statistica per non essere attaccabili ma credo che troveremo chi ci aiuta, a partire da me per quel che so.
!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
             VioK  ;)
!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

gabrif7

  • Jr. Member
  • **
  • Posts: 53
    • View Profile
29/10/09
« Reply #4 on: November 02, 2009, 10:25:28 PM »
l'idea è buona..ma in che modo puoi rendere efficace il NOSTRO questionario in senso pratico, senza che, per ora, lo sia quello dell'ateneo?
voglio dire, se X al nostro questionario ha pessimi voti, come possiamo giostrare la cosa noi? come potremmo "penalizzare" X o far capire a X che così non va, etc..insomma siamo solo un collettivo senza particolari poteri istituzionali, credo, da quel punto di vista